lunedì 20 giugno 2011

Non vorrei che mio figlio fosse gay

Tutto qua. Anche perché non ho figli maschi, per fortuna, ho 2 figlie femmine. Purtroppo anche tra le donne esiste l’omosessualità.
Il segreto? Provate a vederlo pensando di guardare una sit com, convincetevi che sia una versione (penosa, concordo) di Corrado Guzzanti o di George Carlin.

22 commenti:

Simone ha detto...

Se l´ordine dei medici in Italia avesse una qualche pretesa di essere un´instituzione rispettabile avrebbe gia' ritirato la licenza di esercitare la professione a un individuo del genere.

DiegoPig ha detto...

Io non vorrei mai avere un figlio sindaco di Sulmona.


A proposito, forse potrebbe interessare questo studio che ha mostrato come sembri esservi una correlazione tra omofobia ed eccitazione di fronte a scene di sesso omosessuale maschile.


http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/8772014


"Homophobia is apparently associated with homosexual arousal that the homophobic individual is either unaware of or denies."



Cordiali Saluti,
DiegoPig

Anonimo ha detto...

Per Simone:
licenza di medico da ritirare...
un po' come a Scilipoti, mi sembra di capire ...

Simone ha detto...

@ Anonimo:

non mi pare che Scilipoti (posso sbagliarmi, non sto certo ad ascoltare tutto quello che dice) abbia fatto dichiarazioni scientificamente inacettabili, se lo ha fatto certo che gli va ritirata la licenza.
Presumo che lei quando va da un medico pretende che questo gli fornisca un parere scientificamente fondato. Ora quest´individuo se si trova davanti un paziente gay che fa? Gli vomita adddosso qualche castroneria su qualche alterazione cromosomoica? e se per caso si trova davanti un paziente che ha la sindrome di Turner o Klinefelter cosa fa, malattie serie che nulla a che vedere con l´orientamento sessuale?
Oltre al fatto che sfruttare l'autorita del titolo per propagandare falsita' viola assolutamente l´etica professionale.

Anonimo ha detto...

per Simone:

voleva essere una battuta tenuto conto del fatto che Scilipoti,di professione medico e ginecologo, ha tenuto in piedi il governo Berlusconi (vero motivo per cui gli andrebbe ritirata la licenza ...)

Simone ha detto...

@ Anonimo

Felice che lei riesce a scherzare....purtroppo io non riesco a farlo ne' con la scienza ne' tanto meno con l'omofobia....

Anonimo ha detto...

Il video
Piu' che omofobo lo considero un cavolo a merenda. Non conosco la domanda che e' stata posta... ma la risposta benche' non sia campata in aria, appare polically uncorrect, e fuori luogo....
Il sindaco non dice cose errate, le afferma in un contesto che non e' idoneo a trattare di certi argomenti.
E poi un appunto sul titolo che e' stato apposto al video. Di discrimazione degli omosessuali, se per questo si intende per omofobia, nel video non vi e' traccia, ognuno e' libero di espriemere le proprie idee, anche se non la pensa come gli atei e gli omosessuali.
Per ora mi fermo qui.
francesco sirio

Anonimo ha detto...

Ci pensa Veronesi a consolare i bistrattati ...
Sul Corriere dice «Quello
omosessuale è l'amore più puro»

http://www.corriere.it/cronache/11_giugno_23/veronesi-amore-gay_cba482c8-9d92-11e0-b1a1-4623f252d3e7.shtml?fr=box_primopiano

Rainbow ha detto...

Nessun amore (fra adulti consenzienti)dovrebbe essere discriminato.
"Amore più puro?" Ma che vuol dire?

Rainbow ha detto...

Io vorrei che mio figlio fosse felice, gay o etero che sia

Chiara Lalli ha detto...

"Il sindaco non dice cose errate"?

Dipende dalla definizione che si sceglie di adottare di "errate".
Che poi possa esistere la libertà di dire qualsiasi proposizione errata è un altro discorso.

Simone ha detto...

@ Chiara

A parte che in Italia (e in buona parte del mondo civile) non esiste in assoluto nessun diritto di dire cose errate (es non si puo´diffamare, non si possono fare discorsi razzisti, in moltissimi Paesi negare la Shoa e´un reato penale ecc ecc), mi domando: un pubblico ufficiale, benche' eletto (o forse proprio perche' eletto), puo'´mentire sapendo di mentire? Visto che "I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore" credo proprio di no.

@ Anonimo:
continua con la sua omofobica ironia. Veronesi e´il classico esempio che di quello che nell´ambito letterario si chiama un "falso amico" e tutti quelli che conoscono un paio di lingue sanno quando sono dannatamente insidiosi.

Chiara Lalli ha detto...

Simone, affermare proposizioni errate e diffamare non sono la stessa cosa. Il fatto che X sia un reato, poi, non chiude la conversazione: è giusto che X sia un reato? Siamo d'accordo? Perché X è un reato?
Ciò che voglio sottolineare è che da un punto di vista squisitamente liberale tutto ciò che può essere considerato un reato senza vittima pone problemi seri (sempre se si vuole essere coerenti).
Per quanto riguarda il sindaco e le sue affermazioni direi: il fatto che sia un pubblico ufficiale deve essere considerato nella valutazione complessiva; può essere "solo" una opinione personale se la esponi in tv e sei il rappresentante di qualcosa di pubblico?
Questo sindaco insomma appare davvero misero e poco brillante e inopportuno, ma credo che la questione più grave sia che alcune persone in Italia non abbiano diritti (o ne abbiano di meno). E credo anche che sia più corretto combattere queste manifestazioni stupide e discriminatorie con mezzi diversi da leggi o coercizioni.
Insomma: se ci fosse una uguaglianza di diritti si potrebbe ridere di questo pagliaccio - un sorriso amaro, d'accordo, ma pur sempre un sorriso supportato dalla consapevolezza che non ci sono discriminazioni pesanti sul fronte dei diritti.
Io credo che i creazionisti e i negazionisti abbiano il diritto di credere alle balle che vogliono - credo che la considerazione debba cambiare quando 1) ricoprono ruoli istituzionali e pubblici; 2) operano in un contesto di discriminazione e di disuguaglianza normativa.

Quanto a Veronesi: forse è ora che se ne vada in pensione. Le sue dichiarazioni sono quasi più insopportabili di quelle dei più agguerriti amici del nostro caro sindaco.

Anonimo ha detto...

Per Simone, in quanto chiamato in causa:

lasciando stare il fatto che qui sembra che le uniche affermazioni che vanno bene (ironiche o meno)debbano essere le sue, quello che dice lei sull'effetto "boomerang" delle parole di Veronesi lo riporta anche la stampa, Libero di ieri per la precisione
Da gay vi dico:
l’amore gay non è più puro

Vedi

http://newrassegna.camera.it/chiosco_new/pagweb/immagineFrame.asp?comeFrom=search&currentArticle=11GTHB

Simone ha detto...

@ Anonimo

e allora?? il suo commento rimane omofobo!

@ Chiara:

Certo che un reato senza vittima e´ sospetto, ma io mi domando se sia proprio vero che questo sarebbe un reato senza vittima. Da cosa dipende il fatto che certi diritti non esistono o non vengono ricnosciuti se non dal fatto che omuncoli del genere possano mentire senza nessuna conseguenza?
Poi possiamo discutere se sia utile usare la norma penale ma non credo affatto che mentire sia un reato senza vittima.

Anonimo ha detto...

il suo commento rimane omofobo

il suo di chi?
mio mio o di Angelo Pezzana ?
E per ribadire insomma che solo il suo è il punto di vista giusto o "omofilo" ?

Simone ha detto...

@ Anonimo (che poi e´ biolove)

il suo...
non mi interessa cosa scrive Libero.

Anonimo ha detto...

uno che ha pregiudizi verso una testata solo per l'orientamento, senza leggere neanche un articolo che ospita (che potrebbe essere anche una voce "fuori del coro") non dimostra tolleranza (quella che è invocata da chi stigmatizza l'omofobia).
Cosa che del resto non lascia del tutto stupiti da parte di chi, adagiandosi nel vittimismo, a volte si contraddice
(http://www.uccronline.it/2011/06/22/senatore-difende-la-famiglia-gli-omosessuali-lo-minacciano-di-morte/)

p.s. grazie per l' "outing" circa la mia identità.
Peraltro commento come anonimo solo perché altrimenti lei attacca con la Chiesa... (a proposito di
-fobie)

Simone ha detto...

@ biolove


Vuole un attacco alla Chiesa? Nella legge diabolica e laicista legge che a New York legaliza il matrimonio tra persone dello stesso sesso c´e un bell´articolo che permette ai religiosi e ai gruppi di religioni di discrimanre i gay (es. una scuola cattolica puo´licenziare un prof perche' gay; un diocesi puo´licenziare una segretaria perche' lesbica)

vede lei parla di vittimismo senza sapere di che parla (la sua ignoranza e´gia´ piu' che nota) ma il povero senatore di NY ha l´FBI che lo difende da qualche psicopatico che lo minaccia, gli omosessuali nella stragrande maggioranza del mondo hanno Stati interi che li impiccano con le Chiese che sono ben felici di izzare l´odio!

biolove ha detto...

Senta io non sono qui per farmi dare dell'ignorante ed omofobo da lei (al quale non mi sento inferiore sotto nessun aspetto).
Il suo modo di presentare le cose è quantomeno tendenzioso per non dire volutamente reticente.
Nei suoi modi poi la supponenza va oltre i limiti di sopportazione di una persona normale (ovvero non masochista riguardo alle affermazioni altrui)...

Simone ha detto...

@ biolove

non mi interessano assolutamente i suoi giudizi sul mio conto. Lei e´un omofobo, lo ha dimostrato piu´volte, se la connotazione la disturba puo' semplicemente smettere di esserlo, ci provi e´facile...

Giuseppe Regalzi ha detto...

E qui si chiude anche questa discussione. Vorrei invitare tutti a riflettere un poco sull'utilità di questo tipo di scambi.