sabato 14 aprile 2007

Il Disegno Intelligente e il problema del male

Maurizio Ferraris risponde alle domande di Max Stèfani in una intervista per Mucchio Selvaggio (n. 633, aprile 2007, pp. 96-99; il testo si può leggere anche sul blog di Ferraris):

Credo appunto che il Disegno Intelligente sia semplicemente una formulazione reattiva. Se Darwin contrasta con la Bibbia, bisogna pur contrapporgli qualcosa di, per così dire, “biblicamente corretto”. Ma a questo punto si apre il problema della teodicea, della giustificazione di Dio, e del male di cui diventa responsabile, se ha creato il mondo con un disegno intelligente. Perché ha creato un mondo in cui sono possibili terremoti, tsunami, malattie orripilanti e atroci? E, se questi eventi sono comunque soggetti a leggi fisiche su cui il creatore non può intervenire, una volta avviato il processo, perché comunque ha reso possibili i telegiornali di Emilio Fede, i romanzi della Tamaro e le canzoni di Al Bano? Quale Disegno Intelligente può aver concepito cose del genere?
Da leggere tutto.

2 commenti:

ILLAICISTA ha detto...

E Bagnasco, non ce lo mettiamo? ;-)

Joe Silver ha detto...

Il filosofo francese Onfray sostiene che il Cristianesimo, con le altre religioni monoteiste, ci ha rovinato la vita. Sei d’accordo?

Ferraris: No, non sono d'accordo, Onfray esagera. Il Cristianesimo non ci ha rovinato la vita, semplicemente ha dato una mano, e robusta, alla nostra tendenza a rovinarcela. Altre religioni le conosco poco, ma per esempio non mi sembra che il Buddismo o lo Scintoismo rovinino granché la vita.


'A Ferraris! Buddismo e Scintoismo non sono religioni monoteiste!