lunedì 1 dicembre 2008

Infernale guazzabuglio di orrori

VATICANO: NO A DEPENALIZZAZIONE OMOSESSUALITÀ DA PARTE DELL’ONU = LA POSIZIONE ESPRESSA DA MONS. MIGLIORE
Città del Vaticano, 1 dic. (Adnkronos) - L’Onu non deve depenalizzare l’omosessualità come richiesto dalla Francia perchè ciò porterebbe a nuove discriminazioni in quanto gli Stati che non riconoscono le unioni gay verranno «mesi alla gogna». È quanto ha spiegato mons. Celestino Migliore, osservatore permanente della Santa Sede presso le Nazioni Unite. «Tutto ciò che va in favore del rispetto e della tutela delle persone - ha affermato l’arcivescovo - fa parte del nostro patrimonio umano e spirituale. Il Catechismo della Chiesa cattolica, dice, e non da oggi, che nei confronti delle persone omosessuali si deve evitare ogni marchio di ingiusta discriminazione». «Ma qui - ha aggiunto Migliore in riferimento alla proposta che la Francia ha intenzione di presentare all’Onu in favore della depenalizzazione dell’omosessualità nel mondo intero - la questione è un’altra. Con una dichiarazione di valore politico, sottoscritta da un gruppo di paesi, si chiede agli Stati ed ai meccanismi internazionali di attuazione e controllo dei diritti umani di aggiungere nuove categorie protette dalla discriminazione, senza tener conto che, se adottate, esse creeranno nuove e implacabili discriminazioni». «Per esempio - ha detto l’arcivescovo - all’agenzia cattolica I-Media - gli Stati che non riconoscono l’unione tra persone dello stesso sesso come ‘matrimonio’ verranno messi alla gogna e fatti oggetto di pressioni».
Aggiornamento 3 dicembre di G.R.: ecco, per quel che serve (la traduzione dell’AdnKronos è impeccabile), l’originale francese delle dichiarazioni di mons. Migliore:
Pour sa part, la France a l’intention de présenter à l’ONU un projet de déclaration pour demander la dépénalisation de l’homosexualité dans le monde entier, au nom des 25 pays de l’Union européenne. Comment réagissez-vous à cette proposition?
Tout ce qui est fait en faveur du respect et de la protection des personnes fait partie de notre patrimoine humain et spirituel. Le Catéchisme de l’Eglise catholique affirme, et cela ne date pas d’hier, qu’il faut éviter toute forme injuste de discrimination contre les homosexuels. Mais ce n’est pas là la question. Dans une déclaration ayant une valeur politique et signée par un groupe de pays, il est demandé aux Etats et aux mécanismes internationaux d’application et de contrôle des droits de l’homme d’ajouter de nouvelles catégories devant être protégées contre la discrimination, sans tenir compte que, en cas d’adoption, elles créeront de nouvelles et terribles discriminations. Par exemple, les Etats qui ne reconnaissent pas l’union entre personnes du même sexe comme ‘mariage’ seront mis au pilori et feront l’objet de pressions.

51 commenti:

Leilani ha detto...

Ma siamo veramente scemi?
Qui si parla di violenze fisiche, sessuali, psicologiche, di pena di morte, di gogna vera e propria e questo subdolo verme si preoccupa della figura che ci fanno lui e il suo staterello idiota? Non ho parole per esprimere lo schifo che sento addosso.

DF1989 ha detto...

Un po' come dire: "E' sbagliato stigmatizzare la discriminazione delle donne, perché gli stati che attuano tale discriminazione verrebbero messi alla gogna". Oppure: "E' sbagliato abolire la schiavitù, perché gli stati che la ritengono legittima subirebbero pressioni".

Quello che questo schifoso individuo sta dicendo, tradotto, è: "Non bisogna depenalizzare l'omosessualità, perché noi vogliamo continuare a discriminare gli omosessuali".

klingsoror ha detto...

esigo allora il papa in galera a vita.

Anonimo ha detto...

ma conoscono il senso della parola "depenalizzare"...
remo

Lorenzo ha detto...

Non ho parole. Davvero.

Magar ha detto...

Chiara, ammettiamolo, mons. Migliore sta facendo di tutto per mostrare al mondo che quella ambita da Allam è davvero un'Europa cristiana...

Luca Massaro ha detto...

Attenzione a questo passaggio:
"Per esempio - ha detto l'arcivescovo Celestino Migliore - gli Stati che non riconoscono l'unione tra persone dello stesso sesso come "matrimonio" verranno messi alla gogna e fatti oggetto di pressioni". Da ciò si deduce che il vero timore del Vaticano è che, qualora la depenalizzazione dell'omosessualità fosse approvata all'ONU, dopo "anche" l'Italia non avrebbe più scuse per non autorizzare il matrimonio tra persone dello stesso sesso.
Sono molto loici però, 'sti diavolacci.

sam ha detto...

Chiara, nnamo a legarce?

Destynova ha detto...

Del vaticano non mi sorprende più nulla, ma sono curioso di vedere le reazioni nel Mondo ed in Italia, curiosissimo...

skunk ha detto...

Sono stupito dallo stupore.
Ci vuole pazienza, la consapevolezza è un percorso lento, terribilmente lento.
Ma irreversibile.

Anonimo ha detto...

Certe volte, leggendo le vostre reazioni, mi chiedo 'ma questi ci fanno solo o ci sono realmente?'. Certe volte mi chiedo davvero se volete sostenere ad arte la figura della contrapposizione tra Chiesa da una parte ed intellettuali laici dall'altra. Un progetto pensato a freddo e portato avanti con lucidità. Altrimenti non riesco a spiegarmi l'ingenuità di certi commenti.

Se non rispondete ad una mente superiore e nascosta che ingenui vi vuole far solo sembrare ma siete davvero voi, onestamente allora continuo.

Avete letto il testo integrale della dichiarazione? La mia impressione è che se il testo ufficiale è sulla falsariga di quello apparso su www.firmiamo.it, la depenalizzazione della omosessualità sia solo il "piatto forte" di una miscellanea di rivendicazioni (tra cui l'inserimento dell'aborto tra i DIRITTI dell'uomo e l'adozione per le coppie gay) espresse NELLA STESSA MOZIONE, per cui nel complesso possa essere giustificato il dissenso del Vaticano. Andiamocela a vedere prima di esprimere giudizi, del resto non sarebbe le prima volta che i LGBT cercano di imporre la loro visione del mondo per "vie traverse", con manipolazioni e mistificazioni.

Inoltre, e tenete per favore presente che io come persona sono favorevole alla presa di posizione dell'ONU sulla depenalizzazione dell'omosessualità (e basta), mi sorge una curiosità: ma vale solo per il Vaticano il principio di non ingerenza? Per quanto per noi possa essere una barbarie, per la par condicio non bisognerebbe astenersi dal fare pressioni su Iran & C. e lasciare che ciascuno faccia ciò che vuole coi Gay di casa propria?

E allora non vi sembra di intravedere adesso una lucetta? Non sarà che uno degli scopi (non sono mai uno solo ma un insieme)del Vaticano sia quello di mettere in evidenza davanti al mondo intero proprio quello che avviene nei paesi di stampo e cultura islamica in cui i gay sono perseguitati, incarcerati, uccisi? Non è che la Chiesa Cattolica abbia voluto far risaltare la notizia, anche per i più ottusi, che non L'italia, tanto criticata per l'insopportabile 'ingerenza' ed influenza cattolica, ma i paesi di religione e cultura e governo di tipo islamico sono quelli dove gli omosessuali vengono non solo discriminati ma perseguitati e uccisi?

Mah, certo che per quanto lo critichiate, la conoscete e capite davvero poco la Chiesa.


PS: per gli interessati al tema delle adozioni da parte degli omosessuali. Visti i miei studi, oltre che la mia esperienza come madre, avrei potuto parlare di 'oggetto genitoriale', 'ruolo sessuale di identificazione', 'stabilità dell'equilibrio sessuale' etc. Invece il pensiero principale che mi viene in mente è questo: ma l'acrimonia, la rabbia, la prepotenza di certe posizioni da parte dei gay sulle adozioni non avranno la loro origine nel fatto puro e semplice che la natura ha disposto le cose in modo che la unione omosessuale nella sua essenza sterile? Di per se stessa l'unione gay non produce figli. L'unica unione biologica che produce figli è quella tra maschio e femmina, in tutto il mondo animale. E la gran parte di quello vegetale. Perfino la speranza dell'adozione si basa sulla disponibilità di un bambino concepito e partorito da un maschio e una femmina, e anche nei casi ipotizzabili più artificiali, quelli che prevedono l'uso e l'abuso della PMA per produrre figli ad hoc per adozioni gay ci sarà sempre e comunque bisogno di una cellula uovo femmina e uno spermatozoo maschio. Non se ne può prescindere.
Sarà questa imprescindibilità dall'unione di maschio e femmina che li rende così biliosi?

AnnaMaria

Chuck ha detto...

"Non sarà che uno degli scopi (...) del Vaticano sia quello di mettere in evidenza davanti al mondo intero proprio quello che avviene nei paesi di stampo e cultura islamica in cui i gay sono perseguitati, incarcerati, uccisi?"

Bel modo hanno scelto, far comunella con i persecutori, gli incarceratori, gli uccisori. Ottima strategia.

DF1989 ha detto...

@ AnnaMaria

Qui gli unici che vogliono imporre la loro visione del mondo sono i catto-ipocriti-integralisti-fascisti. Gli omosessuali vogliono, e a ragione, che sia loro riconosciuto il fatto che sono persone uguali a tutte le altre, che hanno dunque gli stessi diritti degli altri (compreso il diritto a sposarsi e ad adottare dei bambini).

Io mi chiedo, comunque, al di là del fatto che uno si definisca ateo, agnostico, laico, cattolico, come si possa non inorridire di fronte a dichiarazioni come quella del Vaticano. Bisogna avere veramente la mente ottenebrata dalla fede.

Quello che la Chiesa vuole è che si continui a discriminare gay e lesbiche. E' evidente a chiunque abbia un minimo di senso critico e di onestà intellettuale.

Anonimo ha detto...

"Non è che la Chiesa Cattolica abbia voluto far risaltare la notizia, anche per i più ottusi, che non L'italia, tanto criticata per l'insopportabile 'ingerenza' ed influenza cattolica, ma i paesi di religione e cultura e governo di tipo islamico sono quelli dove gli omosessuali vengono non solo discriminati ma perseguitati e uccisi?"

...e perché non lo fa in modo esplicito dal balcone alla domenica (vedi persecuzioni in India) o dalle pagine dei tiggì o con le parole dei Fisichella dal salotto dei Vespa? Questo fare schizofrenico non va, cari cattointegralisti. Basta con il dover parafrasare a tutti i costi quando vi fa comodo, ed interpretare alla lettera alla bisogna. Non siete più credibili neanche a voi stessi. A questo punto ammettete semplicemente ed in onestà di essere integralisti, così che si possa scegliere se essere pecore del vostro gregge oppure no.

G

Giuseppe Regalzi ha detto...

"Se non rispondete ad una mente superiore e nascosta che ingenui vi vuole far solo sembrare".

Questa non l'ho capita. Mi fai per favore un esempio di chi o cosa potrebbe essere questa "mente superiore"?

fabio ha detto...

Annamaria:

"Non sarà che uno degli scopi del Vaticano sia quello di mettere in evidenza davanti al mondo intero proprio quello che avviene nei paesi di stampo e cultura islamica in cui i gay sono perseguitati, incarcerati, uccisi? "

Eh sì. E' proprio una delle tipiche battaglie del vaticano. Appelli su appelli, proteste, mozioni, tante, ogni giorno. Un vero martellamento.

Io trovo che la prima parte del tuo commento sia talmente assurda da essere divertente (specie la faccenda dell'ingerenza....fantastico). Il tuo PS sui gay invece è solo insultante, pur essendo altrettanto assurdo del resto.

alex ha detto...

davvero spettacolare l'idea che il vaticano dica no ai diritti degli omosessuali per mettere il mondo di fronte allo scandalo dei trattamenti che gli omosessuali subiscono in iran.

ma se fosse così, non c'entra niente il fatto che nella stessa proposta di depenalizzazione ci siano anche idee di diritti all'aborto e all'adozione da parte di coppie omosessuali.

senza poi aggiungere che se non passa la depenalizzazione, di coppie omosessuali non ce ne sono.

però bisogna stare attenti alle subdole manipolazioni e mistificazioni della comunità lgbt, che se ti sbagli a girarti un attimo te lo mettono in quel posto...

Marcoz ha detto...

Per me Annamaria è un fake (dai, non può essere vera!) e ci sta prendendo tutti per i fondelli.

Joe Silver ha detto...

Questa donna è una sagoma. Dopo la fantasiosa reinterpretazione delle risposte dei proprietari di case d'affitto che preferivano passare per omofobi pur non essendolo, ora ci svela la finissima strategia del Vaticano che per denunciare la violazione dei diritti degli omosessuali si schiera con i paesi che li ammazzano!

Ma cos'è, un fake?

Giuseppe Regalzi ha detto...

Un fake? In effetti a tratti è venuto il sospetto anche a me... Però non saprei.

Fabio ha detto...

@ AnnaMaria

"Visti i miei studi, oltre che la mia esperienza come madre, avrei potuto parlare di 'oggetto genitoriale', 'ruolo sessuale di identificazione', 'stabilità dell'equilibrio sessuale' etc..."

Quali studi?
Parlacene, ti prego.

Anonimo ha detto...

"Per quanto per noi possa essere una barbarie, per la par condicio non bisognerebbe astenersi dal fare pressioni su Iran & C. e lasciare che ciascuno faccia ciò che vuole coi Gay di casa propria?"

complimenti...

guarda, facciamo così: io ti regalo un biglietto (di sola andata dovrebbe bastare) per l'iran
poi, quando ti hanno lapidata perchè cristiana e mi giungerà la notizia farò spallucce dicendo: "laggiù fanno così, chi sono io per condannarli?"

franco

Chiara Lalli ha detto...

Non c'è che dire: è un fake, e noi scemi a darle corda.

Leilani ha detto...

@ Annamaria: i manipolatori sarebbero le persone LGBT?
Quindi vedo le cose in maniera distorta a causa della mia bisessualità?

Sarà che mi è rimasta particolarmente impressa quella ragazza africana che, scoperta dalla sua famiglia con un'altra ragazza, è stata stuprata a turno dal padre, dallo zio e dai fratelli per "curarla" dalla sua perversione e non è la prima nè l'ultima.

Sarà che in Iran i ragazzi vengono impiccati, anche minorenni, per le loro inclinazioni, che le donne vengono violentate e torturate dalla polizia che tenta di estorcere loro i nomi di altre donne lesbiche da poter punire con piccolezze come 160 frustate (e vorrei sapere, legare una donna a una macchina e trascinarla sull'asfalto non è una violazione della sacralità della vita umana? dimmi tu).

Sarà che ci sono milioni di storie come queste, di violenza, di umiliazione, di annichilimento della dignità umana e bisogna avere il cuore arido e intriso di ipocrisia per fregarsene altamente solo perchè si teme di passare per cattivi in casa propria.

Sarà che forse non siamo noi quelli accecati dalla propaganda a tal punto da difendere l'indifendibile, ovvero chi di fronte ad atrocità come queste non trova nulla di meglio da fare che aggrapparsi alla paranoia che le persone che loro odiano possano essere trattate come esseri umani.

Acrimonia e prepotenza dei gay?
Ma fammi il favore. Ti prego.
Abbi un po' di rispetto per te stessa se non per me che ti leggo.

Chiara Lalli ha detto...

Mia cara Leilani,
lascia perdere. Non ne vale proprio la pena. Non vale lo spreco di 2 minuti di tuo malumore.
Per quanto mi riguarda non la considererò più (sìsì, sono laicista intollerante relativista e prepotente; e pure simpatizzante per la lobby gay, ce le ho proprio tutte. Ah, dimenticavo: se serve siamo disponibili a fornirle le indicazioni per aprirsi un suo blog).
Non ho ancora capito se sono più sgomenta o divertita (amaramente, si intende).

Leilani ha detto...

Eh sai com'è: sono donna e oggi ho le mie cose ;)

Anonimo ha detto...

Quando al popolo vengono strappati i propri sentimenti e gli viene imposto dall'ONU, cosa devono pensare, non è un gran giorno per la democrazia.
Cosa pensa la gente nei confronti degli omosessuali lo si è visto in California al referendum. Matrimonio tra omo, bocciato.
Ma c'è una brutta lobby.....
antimoderno

Anonimo ha detto...

Anonimo, seguendo il tuo pensiero (sic) si potrebbe proporre di non discriminare i paesi in cui i cattolici vengono ammazzati per il solo fatto di essere cattolici. Se li discriminassimo potrebbero esser messi alla gogna dagli altri paesi, il che a voi antimoderni non piace.

Luigi

Anonimo ha detto...

Questa forma impositiva dell'Onu, non è per niente differente dal comportamento dei missonari cristiani quando andavano a convertire i "selvaggi".
In questo senso si può parlare di interalismo "laico". E anche direi invasato!. Come si può vedere dai post di Leilani. Di solito, poi, invasati così sono in realtà dei borghesuci più o meno benestanti.
In verità, io credo, sì tratti di un problema di razza. La storia lo conferma.
antimoderno

Anonimo ha detto...

L'uomo bianco fa sempre così....prima si convince che deve fare giustizia...poi parte la "missione civilizzatrice"....e allora son dolori.
E' proprio un problema di razza, la nostra.
Nè i neri, nè i gialli si comportano in modo così stupido.
antimoderno

Anonimo ha detto...

Ah ora sono pure invasata? :D
Anti, come sei caruccio. Quasi mi innamoro.

Leilani

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Sono affermazioni così false ed in malafede che è soprendente come abbiano la facciatosta di dichiararle.

Un razzismo sessuale quello del Vaticano che trovo davvero ripugante.

c.d. ha detto...

"Non sarà che uno degli scopi del Vaticano sia quello di mettere in evidenza davanti al mondo intero proprio quello che avviene nei paesi di stampo e cultura islamica in cui i gay sono perseguitati, incarcerati, uccisi?"

ratzinger non e' ancora morto, non e' un po presto per inventarsi spaventose balle sulla falsariga del "papa amico degli omosessuali" per far digerire la sua beatificazione ai parenti delle vittime? almeno per pacelli avete aspettato qualche annetto...

DF1989 ha detto...

@antimoderno

Quindi, secondo te, richiedere che non ci siano discriminazioni è integralismo? Bah!

skunk ha detto...

...non ci avete capito un tubo, laicisti che non siete altro.
E' la discriminazione transitoria positiva creata dalla lega per le classi differenziate...

Francesco.Varrato ha detto...

Immaginate la seguente frase riportata riguardo agli orfani, o ai nullatenenti, o ai mutilati di guerra, o agli ebrei nel periodo fasci/nazista: «Ma qui la questione è un'altra. Con una dichiarazione di valore politico, sottoscritta da un gruppo di paesi, si chiede agli Stati ed ai meccanismi internazionali di attuazione e controllo dei diritti umani di aggiungere nuove categorie protette dalla discriminazione, senza tener conto che, se adottate, esse creeranno nuove e implacabili discriminazioni»

Per la serie: "Noi non vogliamo scocciature e pressioni dal mondo moderno, ci piace crogiolarci nel nostro medioevo e magari riportarlo in auge anche all'estero. Queste misure per i diritti umani ci fanno sentire discriminati perche' solo noi e pochi altri ancora abbiamo la faccia tosta di compiere ancora certe discriminazioni e, poi, non potremmo piu' farle alla luce del giorno, cosi' come avviene adesso."

Anonimo ha detto...

Non è un problema di discriminazione o no.
L'uomo bianco è stupido,ma crede di essere intelligente. Questo è il problema di fondo.
Egli individua un problema, o quello che lui pensa essere un problema, esempio la cosiddetta discriminazione degli omo. A questo punto, parte la campagna moralizzatrice, parte lo schiacciasassi.
In verità, l'uomo banco si sta prendendo per il c...., evidenziando dei problemi che non hanno molta rilevanza e di conseguenza nascondendo quelli molto importanti.
Ad esempio, a livello planetario ci sono ben più gravi problemi che affliggono l'umanità.
Inquinamento, sfruttamento, fame, guerre, globalizzazione(che permette ai ricchi di saccheggiare le risorse dei poveri).
Astutamente, di questi problemi non si fa cenno. Perchè? Perchè sono alla base del nostro sistema di vita. E volerli risolvere significherebbe mettere in discussione l'essenza stessa della nostra civiltà.
Ecco perchè parlo di "borghesucci". E' un'attitudine da borghesucci occuparsi del futile, ma non mettersi in discussione. D'altro canto, questo è quello che produce l'odierna civiltà. Borghesucci.
antimoderno

Anonimo ha detto...

Mi stupisce come le ger(onto)archie vaticane altrimenti sempre abili a rivoltare la frittata in loro favore siano questa volta scivolate su una buccia di banana, schierandosi con le peggiori dittature del mondo, facendo una figuraccia globale. Immagino che l'obbiettivo della presa di posizione del Vaticano sia stato comunque il panorama italiano, l'unico oramai nel quale la Chiesa Cattolica conti qualcosa, (all'ONU se ne strafregano della posizione del Vaticano).
Forse volevano creare un nuovo “casus belli” per oscurare il caso Englaro, che li vedeva perdenti (anche moralmente), mentre sul argomento omosessualità si sentono di poter farsi forti dei tanti pregiudizi ancora “popolari” nel nostro Paese. Ma mi sembra che hanno preso una nuova cantonata e che la Chiesa Cattolica sta accelerando la perdita di credibilità e autorevolezza che si protrae già da secoli.

Victor Bergman

Anonimo ha detto...

Ma la posizione più borghesuccia di tutte mi sembra quella di dichiararsi "antimoderni"...

Victor Bergman

RENZO ha detto...

Che voi sappiate, è disponibile il testo integrale della proposta?

RENZO ha detto...

Perché messa così, l'affermazione del mons migliore è incomprensibile e priva di senso.

paolo de gregorio ha detto...

Seguiamo Annamaria nel suo stesso raggionamento:

Punto A: la proposta conteneva anche altre indicazioni, per esempio sull'aborto a riguardo all'adozione da parte di omosessuali.

Punto B: la strategia sottile del Vaticano è in realtà atta ad isolare o mettere alla berlina proprio quei paesi che discriminano i gay, cioè quei paesi che si opporrebbero alla mozione.

Conclusione: se valgono i ragionamenti A e B, allora per lo stesso motivo dobbiamo concludere che il Vaticano non si è espresso a favore della mozione per prendere una posizione a favore dell'aborto. Lapalisiano...

P.S. per Victor Bergman: <<Ma la posizione più borghesuccia di tutte mi sembra quella di dichiararsi "antimoderni"...>>
Bang! Colpito e affondato!
(in effetti ho espresso in altro modo lo stesso concetto altre volte)

Anonimo ha detto...

Sai, De Gregorio, quando sei in un posto dove tutti hanno una visione preconfezionata, non puoi fare molto. Con una Giovanna d'Arco poi, che guida il blog....
Siete dei noiosi rivoluzionari...va meglio che borghesucci?

Giuseppe Regalzi ha detto...

Per favore, evitate tutti di rispondere ulteriormente ad Antimoderno. E' solo un troll, e gode delle sue provocazioni idiote.

Anonimo ha detto...

Povero Giuseppino. Dovresti sentirti onorato e invee sei un ingrato....perchè? Nervi tesi?
Mostrate la stupida fierezza di chi cantava la Marsigliese....C'è sempre qualcuno che canta la Marsigliese (di gasati è pieno il mndo) e purtroppo la mia missione è andare vicino al cantante e dirgli: "non c'è proprio un bel niente da cantare, sai?". E' più forte di me....ed la verità!!!!

Leilani ha detto...

Giuseppe, non essere così cattivo.
Non lo vedi che non ha nessun altro modo per comunicare con l'esterno?
Povero piccolo. Si sentirà tanto solo e sperduto senza qualcuno su cui riversare la propria bile e così facendo poter dare di mano destra al proprio ego, probabilmente frustrato dalla vita reale così distante dai suoi ideali. E' dura essere l'ultimo Homo Neanderthalensis in una società costituita da Sapiens Sapiens.

Anonimo ha detto...

Visto il contesto,
(e' la Francia che promuove la moratoria), mi viene da cantarlo a squarciagola:

Allons enfants de la Patrie,
Le jour de gloire est arrivé !
Contre nous de la tyrannie,
L'étendard sanglant est levé,
L'étendard sanglant est levé,
Entendez-vous dans les campagnes
Mugir ces féroces soldats ?
Ils viennent jusque dans vos bras
Egorger vos fils, vos compagnes !

Aux armes, citoyens,
Formez vos bataillons,
Marchons, marchons !
Qu'un sang impur
Abreuve nos sillons !

Victor Bergman

Anonimo ha detto...

Bravo Victor!!! Ora guarda il SANGUE che viene dopo....
anti

Anonimo ha detto...

" C'è sempre qualcuno che canta la Marsigliese (di gasati è pieno il mndo) e purtroppo la mia missione è andare vicino al cantante e dirgli: "non c'è proprio un bel niente da cantare, sai?"

Perchè non sarebbe " un bel cantare"? Perchè quell'epoca è sta segnata da molto sangue? E con ciò? Tutte le rivoluzione hanno avuto il loro bagno di sangue. Inventatevi qualcos'altro per cercare di screditare la marsigliese ( eh, lo so, la Vandea, e i nobili e la Chiesa, non vi è andata giù che il popolino si sia ribellato...)

Anonimo ha detto...

Ma AnnaMaria e Antimoderno sono due Teletubbies vero??!! Sennò non si spiega perchè mi stia innamorando a leggere le cose hanno scritto.... AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA

alex ha detto...

se sul piano dialettico le difese per certe posizioni sono:

- no alla "proposta antidiscriminazioni" perchè discrimina chi discrimina
- no alla "proposta antidiscriminazioni" perchè ci sono problemi più gravi

allora le posizioni difese hanno davvero poco di solido. senza contare che provare a risolvere un problema non escude il tentativo di soluzione anche degli altri.

tranne che in italia: no all'antidiscriminazione, e no ai protocolli di kyoto, per esempio.