lunedì 1 dicembre 2008

No, questa non è una Europa cristiana, ma di mentecatti ignoranti

La fonte è qui.

26 commenti:

Lorenzo ha detto...

Follia pura.

MaTTiA ha detto...

Un uomo con una cultura integralista alle spalle, puo solo fondare un partito integralista.

paolo de gregorio ha detto...

Non faceva prima a rimanere muslmano? Di stati "etici" nel senso da lui descritto già ce ne sono.

cullasakka ha detto...

Paolo, e il divertimento dove lo metti?

Anonimo ha detto...

"in grado di procreare"?
Quindi si fa l'esame medico e chi risulta sterile o infertile non avrà diritto al matrimonio?

Magar ha detto...

Magdi Allam è troppo divertente: Google continua a fornire perle di saggezza, come questa:

Pur rispettando le scelte e le tendenze sessuali di ognuno e senza voler discriminare gli omosessuali, siamo contrari ai matrimoni gay e quindi alle adozioni di figli da parte delle coppie omosessuali.

o questa:

Rispondendo alla domanda sulla posizione del suo partito sul divorzio Allam ha aggiunto: ''La famiglia naturale, formata da un uomo e una donna in grado di procreare ha per noi un ruolo centrale nella costruzione sociale. Tutto cio' che puo' minare questa verita' assoluta e universale non lo riteniamo eticamente lecito''.

(http://www.gaynews.it/view.php?ID=79961)

Il nostro, senza rendersene conto, sta facendosi beffe del principio di non contraddizione: estremamente postmoderno!

La cosa più preoccupante è che simili esempi di mentecattume non vengano dal primo scemo che passa (o da un Giuliano Ferrara che ha cambiato più forme di Proteo), ma da uno stimato giornalista che fino all'altro giorno passava per "voce liberale nel deserto".

Anonimo ha detto...

Mi lasciano sempre molto perplessa i toni ingiuriosi e insultanti che Chiara Lalli riserva alle persone che non hanno i suoi stessi pensieri sulle tematiche sociali.

Personalmente non mi ritengo una mentecatta, e neanche una ignorante, e pur restando fedele al mio voto politico, ritengo le idee espresse da Allam degne di rispetto e pienamente in tema su molti problemi della società moderna.

x Anonimo: si è 'in grado di procreare' anche quando si riesce a trovare nel proprio seno la capacità di accoglienza e di amore per bambini non biologicamente propri.

Ripeto, se mai dialogo interessa occorre evitare gli insulti. L'ingiuria per le idee altrui cancella ogni speranza di civile e costruttiva conversazione.
Se poi il dialogo non interessa e interessa solo ingiuriare, solo l'insulto fine a sè stesso, lo sfogo sguaiato e liberatorio, allora....

AnnaMaria

Giuseppe Regalzi ha detto...

Tu invece, AnnaMaria, quando nel commento a un post precedente affermavi: "L'idea degli atei come degli scimmioni primitivi all'oscuro della Storia e della Verità, che guardano ciò che non capiscono,...., è allettante, molto azzeccata", non usavi un tono ingiurioso e insultante?

skunk ha detto...

Annamaria, qui non si tratta d'insultare chi la pensa diversamente, semmai d'incazzarsi quando qualcuno vuole imporre il proprio.
No a questo, no a quello, il no se lo dica a casa sua, dove può divertirsi con tutte le verita' assoluta e universali che vuole, senza timore di smentita.

Madgi dimostra solo d'essere uno dei tanti violenti, un pericoloso fondamentalista che insulta e mina il debole filo del dialogo interreligioso, spargendo consigli a destra e a manca, papa compreso.
Ma per carità.

Legga qua:
http://www.magdiallam.it/node/7742

Anonimo ha detto...

Annamaria, sono l'anonimo di prima...

Punto 1:
http://www.demauroparavia.it/87209
pro|cre|à|re
v.tr. (io procrèo)
1 CO dare la vita a un figlio, generare, mettere al mondo: p. dei figli; anche ass.: incapacità di p.
2 BU fig., creare un’opera d’arte

Punto 2:
Ma se accettiamo la tua definizione...
"si è 'in grado di procreare' anche quando si riesce a trovare nel proprio seno la capacità di accoglienza e di amore per bambini non biologicamente propri."

Benissimo. Allora anche single o a coppie di uomini o di donne che, al di là del loro orientamente sessuale, abbiano nel loro seno questa capacità di accoglienza l'adozione di bambini non biologicamente loro, anche loro dovrebbero avere pieno diritto di adottare. O no? O forse i "froci" sono capaci solo di un amore di serie B?

Anonimo ha detto...

Mi scuso per le sgrammaticature della frase dovute a copia-incolla un po' balordi.
Spero però che il senso sia chiaro.

sempre l'anonimo di sopra

Giuseppe Regalzi ha detto...

Anonimo, se aggiungi una firmetta (anche di fantasia) non sarai costretto a specificare in continuazione "quello di sopra". Grazie.

Anonimo ha detto...

Per l'anonimo di prima: in tutti i paesi civili i benefici delle leggi sull'adozione sono rivolti ai bambini e non agli adottanti. Non è per far felice l'eventuale aspirante madre o padre che gli si da un figlio da crescere, ma al contrario si trova una famiglia dove possa crescere al meglio ad un bambino.
Tutti gli specialisti di psicologia infantile concordano che per lo sviluppo di un bimbo, soprattutto se molto piccolo sono fondamentali le presenze di una madre e di un padre, i riferimenti alle loro identità chiari e lampanti.
Le coppie omosessuali non offrono questi riferimenti.


Per Giuseppe: stai 'ciurlando nel manico'. Quella frase, come può leggere chiunque nel posto indicato qua sotto, l'aveva scritta per primo un altro blogghista, io l'ho ripresa e commentata, forse con una vena di ironia, lo ammetto. Devi convenire che un tocco ironico in una conversazione già avviata non corrisponde nei toni e nel volume di voce a degli insulti a freddo, espliciti, ripetuti, sguaiati, come dare di 'mentecatto ignorante' a qualcuno.

Ribadisco, chi vuole rispetto per sè e le per le proprie idee abbandoni i toni ingiuriosi e gratuitamente offensivi.

AnnaMaria

Giuseppe Regalzi ha detto...

AnnaMaria, c'è molta più violenza nel programma di Magdi Allam che in qualsiasi commento si possa esprimere su di esso.

"Tutti gli specialisti di psicologia infantile concordano": non è vero. La maggioranza concorda casomai sul contrario.

Chiara Lalli ha detto...

E io che pensavo di essere stata fin troppo gentile con Magdi!!
Menteccato l'ho usato in senso letterale.
E lo rivendico. E me la prendo non con il suo parere su di sé (facesse quello che vuole) ma con le odiose falsità, discriminatorie, omofobe e assurde scientificamente.
E ci sarebbe anche molto da dire sul furto della definizione "cristiano" da parte di uno che di cristiano non ha proprio nulla, a parte il nome che si è aggiunto.

Anonimo ha detto...

Menetecatta è la loro concezione di trasmettere i valori, perché loro non li voglio diffondere, ma imporre per decreto a tutte le persone ingabbiandone i comportamenti per leggi, questo non tanto stato etico, ma dittatura dell'etica.

remo

fabio ha detto...

Qualcuno si è offeso per il titolo del post, titolo che io sottoscrivo e approvo.
Non so perchè si siano offesi, dato che nel post viene sottolineata una differenza tra essere cristiani ed essere mentecatti ignoranti: difatti son due cose ben diverse. Altresì viene sottolineata la differenza tra l'essere cristiani e le idiozie sostenute dal "manifesto" citato. Tutti i divieti e le fobiche prescrizioni elencate, infatti, vengono solitamente associate ad un'impostazione cristiana, ma si tratta di un'associazione assolutamente arbitraria. Quella cristiana è (o dovrebbe essere) una tradizione culturale ed etica molto più profonda di certi squallidi concetti da "stato etico" o da beghina.

fabio ha detto...

Un off topic che non è off topic:

repubblica.it:

Omosessualità, Vaticano all'Onu
"No alla depenalizzazione"

che schifo. com'era quella faccenda degli stati canaglia?

Chiara Lalli ha detto...

@ Fabio, lo stavo postando.
Da non credere.

Joe Silver ha detto...

Come chiunque può leggere nel post sul monolite quella frase era l'interpretazione da parte del sottoscritto del pensiero di tal Juan Manuel de Prada, un'interpretazione suggerita dalla convinzione (fondata, direi) che i cattolici tradizionalisti (quelli che scrivono sull'Osservatore e su Avvenire, per intenderci, ma non solo) abbiano dei non cristiani e quindi anche degli atei questa bassissima opinione: "scimmioni primitivi all'oscuro della Storia ecc. ecc."

Ironica o no che fosse l'adesione di AnnaMaria, concordo sul fatto che non sia un mentecatto, ma ben di peggio: un volgarissimo intollerante fanatico clericale. E se non è ignorante allora è pure in malafede.

Leilani ha detto...

E hanno la faccia di tolla di pronunciare la parola libertà.

Chiara Lalli ha detto...

Leilani, puoi anche dire culo, credo. Visto quello che dicono loro...

Leilani ha detto...

ps: a scanso di equivoci:

http://www.apa.org/pi/lgbc/policy/parents.html

There is no scientific basis for concluding that lesbian mothers or gay fathers are unfit parents on the basis of their sexual orientation (Armesto, 2002; Patterson, 2000; Tasker & Golombok, 1997). On the contrary, results of research suggest that lesbian and gay parents are as likely as heterosexual parents to provide supportive and healthy environments for their children.

Leilani ha detto...

pps: effettivamente avrei dovuto Chiara, ma sto cercando di contenermi dopo il travaso di bile che mi ha provocato il nuovo post sulla depenalizzazione dell'omosessualità. Potrei davvero trascendere.

skunk ha detto...

Ribadisco, chi vuole rispetto per sè e le per le proprie idee abbandoni i toni ingiuriosi e gratuitamente offensivi.


da: http://www.magdiallam.it/node/7742

Da cristiano dico al Papa e alla Chiesa: Fermatevi! Chi crede nella verità di Cristo non può in alcun modo legittimare l’islam e Maometto! Piuttosto aspiriamo al martirio nella fede in Cristo, eleviamoci a testimoni della verità e della libertà, ma non dobbiamo mai e poi mai arrenderci né ai tagliagola né ai taglialingua islamici! Di questo passo, a furia di rincorrere sempre più la benevolenza dei musulmani, la Chiesa finirà per perdere del tutto la fede dei cristiani!


Annamaria, toni tipo questo?

Mentecatto mi par poco.

solito anonimo ha detto...

Annamaria

"Tutti gli specialisti di psicologia infantile concordano che per lo sviluppo di un bimbo, soprattutto se molto piccolo sono fondamentali le presenze di una madre e di un padre, i riferimenti alle loro identità chiari e lampanti.
Le coppie omosessuali non offrono questi riferimenti."

Anche le coppie in cui (purtroppo) è morto uno dei genitori.
Che facciamo, gli togliamo immediatamente il figlio o obblighiamo il vedovo o la vedova a sposarsi seduta stante?