mercoledì 30 luglio 2008

Patriottismo


Il Giornale aggiunge una “o” che italianizza e rende più familiare il “poeta” (come nei sussidiari si leggeva Carlo Marx o Federico Hegel). Aggiungerei che non risulta che il nostro fosse mai morto.

10 commenti:

stefano ha detto...

Già, poteva anche togliere la "h" del cognome, così lo trasformava direttamente nel giornalista di Repubblica, dedito a una nuova carriera :)!

Drina ha detto...

Aggiungono la "o" a Leonard Cohen per italianizzare ma poi si esprimono con meeting,location,welfare,step,ecc...è ridicolo...tenendo conto del livello di lingua inglese parlata in Italietta poi...

paolo de gregorio ha detto...

Mi viene in mente un libro di letteratura che aveva mio nonno, che presto cercherò di ritrovare. Italianizzava nomi e cognomi. Ora non ricordo, ma tanto per provare a immaginare: poteva ipoteticamente desrivere l'opera di autori come Carlo Bodelario o Tommaso Manno. Era un vero spasso...

aleG ha detto...

Non va dimenticato che, in barba al senso del ridicolo, durante il fascismo era vietato chiamare il celebre "saint louis blues" col suo nome: il titolo ammesso era "le tristezze di san luigi", oltretutto con totale disprezzo del reale significato semantico....fascismo e stupidità sono sempre stati parenti strettissimi.

aleG ha detto...

Aggiungo però che nel caso del giornale secondo me siamo solo in presenza di un refuso, o più probabilmente di un giornalista che ha sentito nominare cohen per la prima volta ieri...

paolo de gregorio ha detto...

Aleg, e come dimenticare allora il mezzo per viaggi interplanetari, "lo Sciatto" dei fascisti su Marte?

Luca ha detto...

Pur ritenendo, come Aleg, si tratti di un refuso, reputo (come Paolo) un vero spasso da riproporre più spesso, l'italianizzazione dei nomi propri e altresì de' nomi comuni (dicasi d'or in poi, per esempio, compùtero e non "compiuter").
Firmato, Guglielmo Scuotilancia

Beniamino Morrisone ha detto...

non son mai morto e mi sono nascosto in italia

Anonimo ha detto...

E il prossimo concerto di Bobo Dylan, invece, quand'è?

Magar

paniscus ha detto...

Io piango solo perché ha cantato anche nella mia regione e per indilazionabili problemi pratici me lo sono perso... :(

Lisa