lunedì 31 dicembre 2007

Gemelle separate alla nascita (per vedere l’effetto che fa...)

Quando Elyse Shein contatta l’agenzia per sapere qualcosa in più circa la propria origine (Twins reunited, after 35 years apart, BBC News, 31 dic 2007) la scoperta è decisamente molto più sorprendente di quanto si sarebbe aspettata:

I received a letter that said: ‘You were born on 9th October 1968 at 12.51 pm, the younger of twin girls.’ It was unbelievable. Suddenly another element of my identity was revealed to me. Suddenly I was a twin.

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Tanti carissimi auguri per l'anno nuovo. A. e S.
http://pacsiamo.splinder.com

mirabaud ha detto...

Ken Follet ci scriverebbe un romanzo :-))

norrell ha detto...

Ciao Chiara,

ho appena finito di leggere su El País di questa mattina gli articoli di cronoca e commento sul Family Day spagnolo — loro, a dire il vero, almeno non stati così coglioni da saltarsene fuori con un nome del genere — che ha avuto luogo ieri a Madrid. Alla manifestazione, per inciso, secondo gli organizzatori hanno partecipato 2 milioni di persone, secondo il quotidiano solo 160.000...anche loro col vizio da gazebo, eh?

Beh, che invidia! Quelli sì che hanno una sinistra con i controcoglioni, mica come la nostra che si fa mettere i piedi in testa dagli oscurantisti!

Ah, poveri noi!

Un augurio di buon anno (anche se non ci credo molto - anzi, per nulla) e tanti tanti complimenti per il vostro interessantisimo blog!

:-)

destynova ha detto...

Articolo 7 della Carta delle Finalità del Campus Biomedico di Roma: “L’Università intende operare in piena fedeltà al Magistero della Chiesa Cattolica, che è garante del valido fondamento del sapere umano, poiché l’autentico progresso scientifico non può mai entrare in opposizione con la Fede, giacché la ragione (che ha la capacità di riconoscere la verità) e la fede hanno origine nello stesso Dio, fonte di ogni verità”.

Questa e’ la scienza della Binetti, che lavora al Campus Biomedico…

(Buon anno)

Chiara Lalli ha detto...

Norrell,
il Family Day è stata una delle scenette più patetiche di questi ultimi mesi. Poveri noi, non c'è che dire.
Confidiamo nel 2008...

Destynova,
certe cose è meglio non leggerle. Non ho ancora deciso se ridere per l'intero pomeriggio oppure disperarmi.