sabato 22 dicembre 2007

Unioni civili in Uruguay

L’Uruguay approva le unioni civili, anche tra persone dello stesso sesso (Uruguay, sì alle unioni civili, Peacereporter, 20 dicembre 2007).

Il Congresso uruguagio ha approvato il disegno di legge che introduce nella cattolicissima nazione sudamericana l’istituto delle unioni civili. Un record storico per tutta l’America latina, visto che in Sud e Centro America le unioni tra cittadini dello stesso sesso erano state, finora, solo introdotte a livello locale dai municipi di Città del Messico e Buenos Aires in Argentina. La conquista degli uruguagi arriva dopo che già Olanda, Belgio, Spagna, Canada e Sudafrica avevano concesso pari dignità alle unioni dei propri cittadini, senza discriminazioni di sesso.

5 commenti:

usbeck ha detto...

Che delusione per paparatzi che aveva defino l'America il "continente della speranza".

Matteo ha detto...

ho una mia teoria: nei paesi in cui le dittature sono state sconfite da meno tempo, i fascisti non hanno ancora avuto tempo di riorganizzarsi, e quindi è più facile che si approvino leggi come questa.
Anche la costituzione italiana è molto avanzata e venne dopo il ventennio. In italia adesso abbiamo "scollinato" e dopo aver toccato il vertice, stiamo andando di nuovo a fondo. La destra italiana non è tutta fascista, ma se vi fosse un partito fascista vi aderirebbe con gioia.

ILLAICISTA ha detto...

Anche in Nepal, a quanto pare: http://anellidifumo.ilcannocchiale.it/

ILLAICISTA ha detto...

Ecco l'indirizzo esatto: http://anellidifumo.ilcannocchiale.it/post/1728153.html.
Pardon

Foeniculum vulgare ha detto...

Bè oltre che per l'antichità dei nostri monumenti, possiamo gioire anche dell'antichità delle nostre istituzioni e abitudini...