martedì 31 luglio 2007

Aiutati che dio t’aiuta

E se dio è troppo impegnato a risolvere problemi più seri, ci pensa Lorenzo Cesa a tendere una mano alle famiglie in difficoltà. Le famiglie dei parlamentari, non tutte le famiglie. Ognuno fa quel che può, e poi è meglio aiutare pochi piuttosto che nessuno no?
Perché non ci si pensa, ma la vita dei parlamentari è proprio dura, lontano dalle famiglie e soli. Presto detto: aumentiamo lo stipendio ai fuori sede per permettere loro il ricongiungimento familiare!
Che non si dica che l’impegno dell’UdC alle famiglie sia ipocrita e di superficie, perché sarebbe una cattiveria da malelingue invidiose.

4 commenti:

Filter ha detto...

Però, bisogna dire, Bertinotti ha respinto con decisione questa proposta di far venire le famiglie a Roma.
Fossi sua moglie comincerei a insospettirmi.

Chiara Lalli ha detto...

Pare che abbia mandato un biglietto di sostegno e apprezzamento a Lorenzo e gli abbia proposto una soluzione alternativa: abbattere i costi della prostituzione e della droga (o distribuire alla Camera e in Senato ticket al riguardo insieme ai buoni pasto).
Beati i privilegiati!, io ho dovuto pagare le spese del veterinario per Ciro (e nessuno osi contestare il fatto che Ciro sia uno di famiglia) e il finesettimana al mare - aveva caldo poveretto, potevo forse farlo stare in questa afosa città?

Filter ha detto...

In effetti, direi che in Italia l'antiproibizionismo ha un'unica speranza: convincere i parlamentari che, dopo la liberalizzazione, droga e prostitute costerebbero molto meno.
Venendo alle cose serie, è bello sapere che ti prendi tanta cura di Ciro. Non pensavo ti saresti affezionata a questo modo! Mi raccomando, però, non soffocarlo: il panda ha bisogno di affetto ma anche di libertà.

Chiara Lalli ha detto...

Certo, certo, tengo troppo alla libertà per soffocare Ciro!, è solo che i primi tempi bisogna essere più premurosi, è ancora provato dal viaggio e dalla separazione dallo zio Filter (sai che i panda di affezionano, sono piuttosto maniacali nei loro legami, quasi soggiogati da un imprinting affettivo).
Quanto al risparmio, fin troppe liberalizzazioni sarebbero convenienti economicamente, oltre ad essere concettualmente preferibili.
Ma il paternalismo ha radici profonde ed è piuttosto difficile estirparle.