giovedì 5 febbraio 2009

Una maggioranza che ha a cuore la vita

Le notizie, oggi, sono queste:

Il Senato ha cominciato con l’emendamento della Lega che cancella la norma per cui il medico non deve denunciare lo straniero che si rivolge a strutture sanitarie pubbliche. L’emendamento, passato con 156 sì, 132 no, un astenuto, oltre a dare la possibilità ai medici di denunciare i clandestini che si rivolgono per cure alle strutture sanitarie pubbliche […]
La parola malvagità può apparire desueta, ma in certi momenti è difficile trovarne una più adeguata.

6 commenti:

Magar ha detto...

D'altronde l'altro giorno si sono fregiati della qualifica di "cattivi con i clandestini": malvagi lo vedranno come una promozione sul campo...

Anonimo ha detto...

Se vi chiamassi iene, offenderei ingiustamente quelle povere bestie.

Giuseppe Regalzi ha detto...

"Vi"? O "li"?

Leilani ha detto...

Questa è una cosa veramente schifosa.

libe ha detto...

sì, infatti: basta davvero poco per smascherarli...vita a ogni costo per un vegetale, delazione per i clandestini ammalati: che paese incivile!

Anonimo ha detto...

Grazie al cielo abbiamo la Chiesa che si schiera sia con i "vegetali" ( ed è tutto da dimostrare che lo siano, visto che tutti quelli che si risvegliano da coma e stato vegetativo dicono di aver posseduto anche in quello stato coscienza e sentimenti, nonostante le diagnosi contrarie dei medici, ma che volete, purtroppo viviamo in un paese oscurantista che esibisce medici e giudici onnipotenti ed incopetenti) che con i clandestini bisognosi di cure mediche..sapete com'è sono stati i medici cristiani i primi a rifiutarsi di denunciare i clandestini bisognosi di cure mediche..ragazzi mi sembrate un po' ignoranti o superficiali, perchè non andate a documentarvi meglio su quello che è lo stato vegetativo,o ne andate a parlare con Salvatore Crisafulli? è facile parlare per ideologie, diverso è passare le cose sulla propria pelle o stare veramente vicino a che ha bisogno.. io ho visto bambini morirmi tra le braccia di fame e di sete e vi assicuro che la sedazione non allevia significativamente nessun dolore.Nessun essere umano cosciente sceglierebbe una morte così.