giovedì 10 gennaio 2008

Frank Pavone contro (la tragedia del)l’aborto

Frank Pavone è il direttore nazionale di Priest for Life. Pavone è impegnato nella battaglia contro l’aborto. Ha anche un blog. In occasione del quarantesimo anniversario della enciclica Humanae Vitae si prepara a sferrare il colpo di grazia. Colpo, secondo Pavone, abbastanza lieve. Infatti Pavone è convinto che i fautori della libera scelta (e dunque della legalizzazione della interruzione di gravidanza) siano ormai prossimi alla resa finale. E che la Roe vs Wade abbia i minuti contati.
Lo scrive con tanto di decalogo delle motivazioni (Ten Reasons Why the Pro-life Movement is Winning). Alcune di queste presunte dimostrazioni sono davvero godibili. Come la prima, The survivors:

Sign 1: The survivors

The surest sign of our ultimate victory is the strong and ever-growing involvement of young people in all aspects of the fight to end abortion. And if you ask them why they’ve joined our fight, they will tell you: “It could have been me!” In speaking up for the unborn, the youth of America are also speaking up for themselves. This is an awareness and motivation that abortion advocates can do nothing to stop. And as a result, our pro-life movement receives a new strength and motivation each day from these survivors.
Oppure la terza, che dovrebbe essere una prova inconfutabile:
Sign 3: I regret my abortion

Another clear sign of progress is the wave of women and men across the world who are speaking out about how they regret having their child killed by abortion. The “Silent No More Awareness Campaign” – a joint project of Priests for Life and Anglicans for Life – provides these women and men an opportunity to share their testimonies in public gatherings, before the media, in pulpits, and in legislative hearings. As Jennifer O’Neill, the campaign’s National Celebrity Spokeswoman says, “Experience trumps theory.” These men and women are living testimony that abortion doesn’t work. Instead of “solving” a problem, abortion creates more problems of its own. Best of all, there is nothing abortion advocates can do to stop this tidal wave. In fact, it puts them in quite a dilemma. For decades now they have been saying, “Listen to the voices of women!” Now, if they practice what they preach, they hear those women’s voices repudiate the lie of abortion.
Il decalogo si chiude con la incrollabile fede in una vittoria già avvenuta. Verrebbe da chiedergli: perché combattere allora? Ma basta leggere la motivazione della già avvenuta vittoria per capire:
There is one among us who holds the keys of death and of hell. Jesus Christ is Risen from the dead! Although thought to be overwhelmed by the agents of death ... He trampled death by His death. As a result, death has been robbed of its power. “O death, where is thy sting?” Because of Christ’s Resurrection, death no longer has the final word in the human story. Our final destiny is heaven ... not the grave!
(I corsivi sono i suoi.)
Nel sito è presente anche una sezione di foto di aborti che ha lo scopo di mostrare agli americani che cosa sia l’aborto. E tanti altri link sul genere. Tra questi una campagna contro il silenzio (The Silent No More Awareness Campaign).

7 commenti:

Arsenico ha detto...

Molto godibili. Quindi?

Anonimo ha detto...

Godibili nel senso di "entertaining", Arsenico. Un po' come te! Hai già finito il giro dei miei blog preferiti stamattina?

alf

Anonimo ha detto...

Che c'entra Gesù?

Marta

Vaaal ha detto...

ecco, in questi casi sarebbe utile conoscere l'inglese.

Pat pat ha detto...

Incredibile! Sti fanatici parlano del nulla e pretendono di renderlo legge!

Arsenico ha detto...

@ Anonimo divertito

Ognuno si entertainima come può.

Weissbach ha detto...

Ma Frank Pavone è amico di Tony Anatrella?