giovedì 15 febbraio 2007

“Costituzionalmente sterili”

Mara Carfagna (Carfagna: “Gay costituzionalmente sterili”. Luxuria: “Inaccettabile da chi sfascia famiglie”, la Repubblica, 15 febbraio 2007):

i gay sono “costituzionalmente sterili”.
Soffro di difetti di memoria, ma in quale articolo della Costituzione si dice codesta illuminante verità? (Perché poi le virgolette?)
Non contenta aggiunge:
per volersi bene il requisito fondamentale è poter procreare.
Davvero triste. Quasi quanto il fatto che la politica sia dominata da queste liti da comari. E che il funzionamento del SNC sia un requisito superfluo, forse molesto.

13 commenti:

Leilani ha detto...

"per volersi bene il requisito fondamentale è poter procreare"

quindi le donne in menopausa si disinnamorano di botto, gli sterili sono fisicamente incapaci di provare sentimenti e non solo: non posso dire di voler bene a mia sorella o a mia madre perchè con loro non procreerei.

cazzo che colpo di genio.

Anonimo ha detto...

Non capisco perché prendersela: non è che se sul web si cerca "Mara Carfagna" esce fuori la Montalcini, una persona della cui opiniove dovremmo tutti avere cura. Se cerchi su Google escono cose come una minibiografia sulla Wikipedia (non sulla Treccani), qualche foto da calendario, roba di gossip. Nella mia personale esperienza, la ragazza-Carfagna veniva al liceo con me, dove ricoprì, se non ricordo male, la carica di "Miss Da Procida" (Da Procida è il nome del liceo). Insomma: nulla di cui preoccuparsi seriamente, secondo me.

Maurizio ha detto...

Primo, non è vero che sono sterili, ma solo che sono incapaci di procreare da soli, senza l'aiuto di un donatore esterno. Che è una cosa completamente diversa.

Secondo, se anche fossero sterili, non mi risulta che alle coppie sterili si neghi il diritto di adottare o di ricorrere alla fecondazione assistita.

Marcoz ha detto...

Anonimo, il problema è che la donzella siede in Parlamento. Un po' la cosa mi preoccupa…

ph68 ha detto...

Il problema è proprio la politica affidata alle mani di soubrette in declino (vedi Gabriella Carlucci) o soubrette non in declino perchè mai assurte a tale rutilante carica, come la signorina Carfagna appunto. Ancora la ricordo con raccapriccio quando zampettava felice e querula come una vacchetta per la provincia italiana, intenta a fare insipidi commenti su piatti tipici et similia come inviata di Mengacci. Non sarebbe meglio privare del diritto di parola chi è "costituzionalmente" incapace di intendere e di volere ed evidentemente capace solo di aprire le gambe, e non certo per finalità riproduttive.

Anonimo ha detto...

@marcoz

Non per avere sfiducia nelle Istituzioni, ma in Parlamento ci sono stati in ordine sparso: Ilona Staller, Silvio Berlusconi, Vittorio Sgarbi, Toni Negri e diversi altri personaggi più o meno discutibili. Resta il fatto che qualcuno se li è votati e li ha voluti oppure ha votato chi li ha fatti "entrare". Detto questo, ripeto, Mara Carfagna è un moscerino, mi pare più preoccupante che idee simili (a quanto ho letto) siano state espresse da Marcello Pera. Mara Carfagna al momento può essere leader di una trasmissione di Mengacci, ne deve fare di strada!

Marcoz ha detto...

Anonimo (lo stesso, spero!) infatti ho detto che la cosa mi preoccupa "un po'".
Pera non preoccupa, terrorizza.

Anonimo ha detto...

Mara Carfagna intendeva dire che i gay sono sterili per natura, che cosa c'entra la Costituzione?
E che sono sterili è indubbio. La natura ha deciso così. Potete prendervela, ma non negare questa verità.

Marco

Luigi Masotti ha detto...

Il giorno che Grillini rimane incinto avvertitemi!!
almeno per 9 mesi non sederà in parlamento..e forse non è un male!!
dai vostri commenti vedo che state reinventando la genetica: ma allora voi credete ancora alla storia della cicogna???
comunque voglio spendere una lode per Mara Carfagna di cui oltre alla bellezza sono grato per aver cominciato ad affermare verità scomode e controtendenza che non sono assolutamente tipiche di quello che definite mondo delle soubrette..grazie Mara

Leilani ha detto...

Cari Marco e Luigi, "sterile" significa incapace di concepire/di portare avanti una gravidanza.

Un uomo gay o una donna lesbica non hanno problemi di sorta da quel punto di vista. Infatti, se non te ne fossi accorto, molti gay e molte lesbiche hanno GIA' dei figli, li hanno sempre avuti e sempre li avranno... l'individuo può essere sterile. La sterilità non c'entra nulla con l'orientamento sessuale, ha a che fare con la condizione particolare di una persona.

Sicuri di aver capito come nascono i bambini? Perchè i vostri commenti mi hanno dato un paio di perplessità.

Luigi Masotti ha detto...

ti faccio notare che stiamo parlando di coppie!!!!

Leilani ha detto...

No tesoro, qui si è parlato di singoli e dicendo una grandissima castroneria.

Quanto alle coppie esiste una cosa chiamata inseminazione artificiale e, anche se a molti l'idea non esalta particolarmente, un uomo gay e una donna lesbica (magari bendati, che ne so) possono tranquillamente andare a letto insieme e concepire in via del tutto naturale.

Distorcere la biologia per accontentare il proprio omofobo rigurgito non cambia la realtà.

Buona serata.

Luigi Masotti ha detto...

Tesoro? non allargarti!
omofobo sarai tu che manchi di rispetto per loro. loro non vanno a letto con l'altro sesso ti faccio notare..o vuoi dire che non sono capaci di avere una relazione esclusiva col proprio sesso????

Comunque sei perspicace, eh???
i Dico non regolano i rapporti di coppia...mi sta bene, allora sono una spesa inutile

La fecondazione artificiale a proposito di biologia in questo caso che tu citi sarebbe eterologa, cioè figlio di un donatore esterno alla coppia: ti risulta questo dalla biologia

insomma, alla fine sei un bigotto del cacchio
ciao