lunedì 26 febbraio 2007

Minnesota University: commedia blasfema

Un vero e proprio scandalo, come avverte un banner piuttosto evidente e che ho riportato per diffondere la richiesta di inviare per mail (urgent action!, avvertono).
Che cosa starà mai succedendo?

University of Minnesota Set to Bash Catholicism
, October 18, 2006:

How can any respectable university consider blasphemy academic freedom? Well, the Department of Theatre Arts and Dance of the University of Minnesota plans to stage a blasphemous play called The Pope and the Witch starting on March 1, 2007.
According to The New York Times: “The witch, in nun’s habit, turns up as an aide to the doctor summoned to treat the pope, and before long the Holy Father is seized with a paralytic affliction that, among other names, is known as ‘a crucifixion stroke,’ leaving him with his arms outstretched.”
The Yale Herald further states: “The blasphemy aspect of the production adds another layer of prickly humor…”
To sign a quick personal e-protest, CLICK HERE now.
Proseguendo nella lettura ci si imbatte in una descrizione delle ragioni della protesta e del profilo dell’autore. Formidabile.
The Pope and the Witch is unmistakably anti-Catholic. Its communist author, Dario Fo, mocks Catholic hierarchy and morality. The Pope figure in the play is a greedy heroin-addict according to press reports. Among other gross distortions, the Church is responsible for world poverty and hunger because of its doctrine against abortion and contraception.
Italian playwright Dario Fo, a long-time member of the Communist Party, is well known for his subversive work against religion and family. In 1983, he was denied entry into the United States for the second time. And the Vatican called his 1977 broadcast of Mistero Buffo “the most blasphemous show in the history of television.”
(I corsivi delle ultime righe sono miei. Vedi come si finisce a forza di attaccare la religione e la famiglia? Da leggere anche la difesa accorata della religione che sarebbe sotto scacco e la descrizione pacifica della protesta.)

3 commenti:

Leilani ha detto...

Io l'ho visto e amato questo spettacolo, nonostante quello che dicono le "press reports"... ma non conto, dopotutto io sono una laicista blasfema paradigma dell'amore debole e attiva nella distruzione della famigghia (a proposito, l'ho vista solo io al telegiornale la notizia sulla bambina di cinque anni abusata sessualmente da padre, madre, nonno e conoscenti?)...

fabio ha detto...

Mi piacerebbe sapere i commenti se qualcuno inscenasse una commedia mettendo alla berlina, con lo stesso livello di "humour", ad esempio, Rita Levi Montalcini e Umberto Veronesi, o Garibaldi e Anita..

Joe Silver ha detto...

Mi piacerebbe sapere i commenti se qualcuno inscenasse una commedia mettendo alla berlina, con lo stesso livello di "humour", ad esempio, Rita Levi Montalcini e Umberto Veronesi, o Garibaldi e Anita..

Dubito che Chiara e Giuseppe si sentirebbero offesi e denuncerebbero come "blasfemo" uno spettacolo teatrale in cui venissero messi alla berlina i personaggi che tu citi. Al più si preoccuperebbero di smontare le eventuali corbellerie come già fanno, con ironia, con i vari Volonté, Binetti, Agnoli...

Chiedere la cancellazione dello spettacolo è tutt'altra cosa, ed è degna dei fondamentalisti: [leggo dalla petizione] "Together with thousands of TFP Student Action members, I urge you to respect the Catholic Faith and cancel “The Pope and the Witch.”"

P.S.:
Siete stati citati su Pharyngula